post

Il club VOLALTO 2.0 lanciato nel mercato mondiale la spunta su altri Club e porta a Caserta Rhamat Alhassan, centrale Americana che si alza a 3.35

Per superare il muro rosanero ci vorranno attacchi da più di 3,35 metri. Sì perché in Serie A1 la Volalto 2.0 Caserta avrà come centrale una statunitense 22enne che farà la differenza: Rhamat Alhassan. La nuova giovanissima atleta rosanero in salto raggiunge quasi i tre metri e mezzo ed è il primo super colpaccio del presidente Nicola Turco che quindi porta in Italia (per la prima volta) una giocatrice che ha già all’attivo due medaglie d’oro (e una di bronzo) con la Nazionale americana e una serie infinita di premi individuali. Rhamat Alhassan nell’ultima stagione è stata in Giappone, nella massima serie con la maglia del Nec Red Rockets. Inizia la sua carriera a livello giovanile nel Metro American e parallelamente gioca a livello scolastico con la Holy Cross. Dopo il diploma entra a par parte della squadra della Florida e nel corso della sua carriera universitaria riceve numerosi riconoscimenti individuali e raggiunge la finale nazionale durante il suo senior year. Il suo primo contratto professionistico proprio in Giappone, prima della chiamata dall’Italia dalla Volalto 2.0 Caserta che la proietta nella super Serie A1 italiana. Con la nazionale americana Under 20 conquista la medaglia d’oro (e soprattutto il premio di Mvp e miglior centrale del torneo) al campionato nordamericano. Ma c’è anche, ad appena 20 anni, nella Nazionale maggiore degli Stati Uniti (e non succede a tutti) in occasione della Coppa panamericana. Anche qui il premio di miglior centrale del torneo. L’anno dopo la medaglia d’oro al collo e la Coppa panamericana alzata al cielo. Adesso arriva l’Italia: ad attenderla un’esperienza eccezionale che porterà la 22enne americana su uno dei palcoscenici più importanti del Mondo. E con la maglia rosanero potrà essere protagonista di una stagione che si annuncia avvincente!!!

post

La Golden Tulip Volalto 2.0 Caserta è in Serie A1: riscritta la storia della pallavolo italiana

 

La Golden Tulip Volalto 2.0 Caserta riscrive la storia della pallavolo italiana. Le rosanero del presidente Nicola Turco sono in Serie A1. Un risultato fantastico per il movimento campano, che dopo decenni porta una nuova squadra nella massima categoria nazionale. Al PalaVignola finisce 3-1, una stagione indimenticabile. Un’avventura fantastica, chiusasi con una promozione eccezionale!

PRIMO SET. Orvieto va 0-2 ma Caserta pareggia subito e passa in vantaggio con Matuszkova (3-2). L’ace di Melli lancia la Golden Tulip (7-4). La Volalto 2.0 prova ad amministrare il vantaggio e sfruttando anche qualche errore della Zambelli si porta sul +4 (12-8) che costringe coach Solfarati a chiamare time-out. D’Odorico prova ad accorciare le distanze (14-12), e sull’ace di Ciarrocchi la Zambelli torna -1 (16-15). Melli però sfruttando le mani del muro avversario lancia un nuovo allungo: il tabellone dice 20-16. Sul successivo servizio vincente di Repice la formazione rosanero, spinta da un PalaVignola fantastico, va sul 21-16. L’allenatore di Orvieto ferma tutto per 30 secondi. Primo tempo di Frigo e Caserta conquista 6 set point. L’errore al servizio della Prandi fa cambiare campo: si gira 25-20.

SECONDO SET. La Golden Tulip va subito sul 5-2. L’ace di Matuszkova lancia Caserta sul 9-5. Servizio e pipe out di Decortes e la Volalto 2.0 va sul 12-8 che porta coach Solfarati a chiedere time-out. Caserta sbaglia pochissimo e riesce a confermare il vantaggio d 4 punti quando Matuszkova passa in diagonale nel muro avversario per il 17-13. Montani permette alla sua squadra di tornare -1 (18-17) e coach Nesic si gioca il suo primo time-out della gara. Quando si torna sul taraflex Bussoli pareggia i conti a 18. Muro di Ciarrocchi e Orvieto va avanti 20-21. Secondo muro di fila della centrale umbra e la Zambelli si porta sul 20-22, e Nesic sfrutta anche il secondo ‘tempo’ a disposizione. La contesa torna però in parità a 23. E il PalaVignola diventa incandescente. Frigo out e primo set point Orvieto. Pipe in pallonetto di D’Odorico ed è 1-1 nel conto dei set. Finisce 23-25.

TERZO SET. Decortes passa nel muro rosanero e stampa il 3-5. Sul 3-6 coach Nesic chiama time-out. Ciarrocchi a muro fa male: ferma l’attacco di Caserta e porta la sfida sul 3-8. Caserta non ci sta: Maggipinto inizia a prendere tutto, Dalia distribuisce alla grande e Matuszkova in diagonale a 100 km/h trova il -1 (7-8). Repice e Melli (in parallela) riportano la sfida in parità (13-13). La Golden Tulip alza il muro e non lascia passare più nulla: murata Decortes e il risultato arriva sul 15-13. Bussoli in diagonale passa ed è nuovamente pari: 18-18. Ace di Repice e Volalto 2.0 che trova il +2 (22-20). Coach Solfarati corre subito ai ripari chiedendo 30 secondi di stop al gioco. Monster block di Melli: tifosi caldissimi, e 2 set point (24-22). Chiude Matuszkova: diagonale da urlo che fa esplodere di gioia tutto il palazzetto (25-22).

QUARTO SET. Grandissimo equilibrio nella prima parte del parziale con nessuna delle 2 squadre che riesce a guadagnare un buon vantaggio. La prima squadra ad arrivare a 10 è quella di casa, ma Caserta è avanti solo di un punto. Punto a punto, con la tensione che sale man mano si va avanti. Il +2 arriva nel momento decisivo del match: Decortes spara a rete, poi Caserta sfrutta un ‘contrasto’ sul nastro portandosi sul 20-18. Coach Solfarati capisce che il momento è delicatissimo e chiama time-out. Al rientro in campo Matuszkova stampa un murone in faccia a D’Odorico per il 21-18. Sempre a muro Frigo trova il +4 (22-18). Secondo time-out Orvieto. Prandi trova prima un muro vincente e poi l’ace per il 22-20. Coach Nesic ferma tutto. Ma la conquista della Serie A1 è solo questione di secondi: Matuszkova in diagonale chiude i conti, e fa partire la festa. CHE SPETTACOLO!

post

La Golden Tulip VolAlto 2.0 cade e perde i lumi a Viterbo. Partita meritatamente vinta dalla Zambelli

La Serie A1 si decide in Gara-3. La Golden Tulip Volalto 2.0 Caserta non riesce ad espugnare il PalaMalè di Viterbo, perdendo 3-1 contro la Zambelli Orvieto. Si va a Gara-3, e chi vincerà potrà festeggiare la promozione nella massima categoria nazionale.

PRIMO SET. La Zambelli Orvieto parte subito fortissima, e riesce a trovare un buon vantaggio (10-5) che poi si porta fino al termine del parziale. Sì perché se Caserta riesce anche ad accorciare lo svantaggio (12-9), non riesce mai ad agguantare le umbre che prima allungano fino al 19-14 e poi chiudono 25-19 conquistando l’1-0 nel conto dei set.

SECONDO SET. Primo equilibrio fino ai 2 punti di fila di Matuszkova che regala il 5-9 alla Golden Tulip costringe coach Solfarati a chiamare time-out. Al rientro in campo ancora due punti per la Volalto 2.0 e Caserta aumenta il vantaggio fino 5-11. Due errori consecutivi di Decortes e la formazione di patron Nicola Turco si porta sull’8-14. Monster block di Melli e il tabellone dice 12-18. Sull’ace di Orvieto (14-18) coach Nesic chiama time-out. Quando si torna a giocare il murone di Repice rimanda indietro le umbre (14-20). La Zambelli si rifà sotto con l’ace di Decortes (19-22) e Nesic si gioca il secondo ‘tempo’. Melli regala 4 set point, ne basta uno: Matuszkova con una bomba a 100 km/h chiude 20-25.

TERZO SET. Decortes con un mani e fuori sigla il 4-1. La Golden Tulip conquista il pari a 5. La prima squadra ad arrivare a 10 è quella rosanero con Frigo (9-10). Sempre Frigo, questa volta a muro, porta Caserta sul +2 (9-11). E Solfarati chiama time-out. La Zambelli pareggia i conti e poi si va punto a punto con le due squadre che lottano su ogni pallone, senza mai abbassare la guardia. Sul finale ecco che Orvieto inizia a difendere tutto conquistando 2 set point quando Matuszkova spara out. Nesic chiama time-out: poi ne viene fuori uno scambio lunghissimo, chiuso out dall’attaccante di Orvieto. D’Odorico manda quindi sulla rete. Si va ai vantaggi. Vince Orvieto: muro di Prandi su Melli ed è 28-26.

QUARTO SET. D’Odorico sfrutta una ricezione errata di Caserta per piazzare il primo +2 (6-4). Sul successivo attacco out di Cella Orvieto trova il primo mini allungo (7-4). Decortes regala l’8-4 alle sue e coach Nesic chiama time-out. Cella va out e si arriva 9-4. Orvieto riesce addirittura a doppiare le avversarie rosanero (12-6). Caserta torna -5 quando il muro di Frigo porta la contesa sul 15-10. Ma Montani vuole chiudere subito il match: punto direttamente dai 9 metri e tabellone che dice 18-11. Il muro di Decortes chiude praticamente la gara: 22-13. Ed è la stessa Decortes in parallela a permettere alla Zambelli di avere 8 match ball: 24-16. Proprio l’opposto chiude la gara: pipe del 25-17 ed è 3-1. Si va a Gara-3.

ZAMBELLI ORVIETO – GOLDEN TULIP VOLALTO 2.0 CASERTA 3-1 (25-19 20-25 28-26 25-17) – ZAMBELLI ORVIETO: Ciarrocchi 9, Decortes 31, Bussoli 7, Montani 14, Prandi 4, D’Odorico 13, Cecchetto (L), Kantor. Non entrate: Quiligotti (L), Angelini, Mucciola, Venturini. All. Solforati. GOLDEN TULIP VOLALTO 2.0 CASERTA: Cella 3, Repice 6, Dalia 5, Melli 15, Frigo 13, Matuszkova 20, Maggipinto (L), Ghilardi. Non entrate: Giugovaz, Fucka, Trevisiol. All. Nesic. ARBITRI: Marotta, Verrascina. NOTE – Durata set: 24′, 26′, 36′, 24′; Tot: 110′.